Fino al 24 giugno in orso la settima edizione del festival in cui le arti visive dialogano con la natura, ideato dalla Fondazione CR Biella

Fino al 24 giugno, a Biella, è in corso la settima edizione di “Selvatica – Arte e Natura in Festival”, evento in cui le arti visive dialogano con la bellezza della natura, a cura di Alessandra Redaelli, per la parte artistica, e Fabrizio Lava, per la parte fotografica. Il Festival è un progetto di Palazzo Gromo Losa, ideato da E20Progetti e da Fondazione Cassa di Risparmio di Biella.

Il Festival riunisce artisti, fotografi, creativi e ricercatori in un insieme di proposte che coniugano mostre di pittura, fotografia, scultura, laboratori didattici ed eventi collaterali, quali proiezioni di documentari naturalistici, conferenze e concerti. Tema assoluto la natura e i diversi modi di rappresentarla.

Il cuore del Festival ha sede nella splendida cornice storica di Biella Piazzo, nei tre complessi di Palazzo Gromo Losa, Palazzo Ferrero e Palazzo La Marmora, e coinvolge anche il Museo del Territorio Biellese, a Biella Piano.

Palazzo Gromo Losa ospita le opere dell’artista svedese Karl Mårtens e della giovane wildlife artist Giorgia Oldano, vincitrice, lo scorso anno, della prima edizione del concorso “Be Natural/Be Wild”, indetto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella in occasione di Selvatica 2017.

Tra gli artisti protagonisti di questa edizione del Festival anche Matthias Verginer, con una selezione delle sue sculture in legno e in bronzo, e il torinese Paolo Grassino, che espone, in tutti e tre i Palazzi, alcune sue installazioni, destinate a suggerire una riflessione sulle derive della società attuale.

A Palazzo La Marmora si trova la mostra “In casa La Marmora tutti disegnavano”. Spazio anche all’incisione con le silografie di Gianni Verna e Gianfranco Schialvino. Inoltre, è presente la Fondazione Bonotto di Molvena (VI) con il progetto “Difesa della Natura 1972-1985. Omaggio a Joseph Beuys”, ricostruzione di uno speciale giardino con gli alberi-simbolo della poetica del grande artista tedesco, nella suggestiva cornice delle sale rinascimentali del Museo del Territorio Biellese.

La sezione fotografica del Festival ospita, a Palazzo Ferrero, il concorso Glanzlichter, punto di riferimento a livello europeo per la fotografia naturalistica a cui, ogni anno, partecipano migliaia di fotografi. Nello stesso palazzo, anche la personale di Marco Urso, autore e fotografo naturalista e di reportage, con un suggestivo confronto tra orso polare e orso bruno, frutto dei suoi innumerevoli viaggi nell’Artico e in Kamchatka, all’estremità più orientale della Russia.

L’Istituto Tecnico Commerciale Statale Eugenio Bona ospita la mostra “Fragmenta”, con il dialogo di sette giovani artisti con tesori del patrimonio storico della città di Biella, conservati presso la scuola.

Diverse le esposizioni collaterali in alcuni tra i più suggestivi luoghi del Biellese legati alla natura, come l’Oasi Zegna, il Centro di Educazione Ambientale Andirivieni di Sala Biellese, la Trappa di Sordevolo e la Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Oropa.

Programma e informazioni per partecipare www.selvaticafestival.net