Sono stati rinnovati per il quadriennio 2021-2025 gli organi istituzionali dell’Associazione delle 11 Fondazioni di origine bancaria del Piemonte.

Al vertice dell’Associazione, nel ruolo di Presidente del CdA, è stato confermato Giovanni Quaglia (Presidente della Fondazione CRT); Vice Presidenti sono stati confermati Francesco Profumo (Presidente della Compagnia di San Paolo) e Giandomenico Genta (Presidente della Fondazione CR Cuneo). Il CdA comprende inoltre Aldo Casalini (Presidente della Fondazione CR Vercelli), Franco Ferraris (Presidente della Fondazione CR Biella), Luciano Mariano (Presidente della Fondazione CR Alessandria), Gianfranco Mondino (Presidente della Fondazione CR Fossano), Marco Piccat (Presidente della Fondazione CR Saluzzo), Pier Luigi Rognoni (Presidente della Fondazione CR Tortona), Mario Sacco (Presidente della Fondazione CR Asti) e Sergio Soave (Presidente della Fondazione CR Savigliano).

La Consulta delle FOB piemontesi sta dimostrando di essere tra le più attive e dinamiche in Italia, operando come un vero e proprio laboratorio di idee, buone pratiche e progettualità innovative che rafforzano i legami di comunità: una funzione e una missione dimostratesi strategiche anche nell’ultimo anno, con il contributo dato dall’Associazione nella gestione della gravissima emergenza sanitaria e sociale legata al pandemia”, afferma il Presidente dell’Associazione Giovanni Quaglia.

È stato confermato il Collegio dei Revisori, composto da Giacomo Zunino (Presidente), Luciano Cagnassone e Giorgio Ferrino (Revisori effettivi).

Coordinatore del Comitato Tecnico è stato confermato Massimo Lapucci (Segretario Generale della Fondazione CRT).

Segretario Tesoriere dell’Associazione è stato confermato Sergio Invernici (Responsabile Amministrativo della Fondazione CRT).

A oltre 25 anni dalla sua istituzione nel 1995, l’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria piemontese è oggi un elemento essenziale per la crescita del tessuto sociale, culturale ed economico della Regione. I suoi obiettivi sono promuovere e realizzare iniziative congiunte, studiare e armonizzare l’attività svolta dalle singole Fondazioni e favorirne il confronto su tematiche di interesse comune.